Le migliori maratone seriali da gustarsi questo Natale

Tempo di lettura previsto: 5 minuti

Guida al binge watching natalizio. Le migliori serie tv da (ri)guardare durante le vacanze di Natale, per concedersi una buona dose seriale tra pranzi e tombolate.

Dite la verità: con le vacanze di Natale alle porte, il vostro primo pensiero è andato all’ammontare di serie tv da guardare, agli episodi da recuperare, ai titoli da ripescare. La dura realtà però è che, tra un pranzo e una tombolata, le feste finiscono per concedere ancora meno tempo alle maratone seriali. Ecco allora la mia guida al binge watching natalizio, con le migliori serie da vedere (o rivedere) per ogni gusto ed esigenza, senza rinunciare all’atmosfera.

Per chi ha i minuti contati

Fleabag

Se in giornate natalizie l’unico modo per concedervi una dose seriale è approfittare del generale abbiocco post pranzo, Fleabag è la scelta più saggia. Pochi episodi, e la vita sconclusionata di una millennial londinese dal sarcasmo autodistruttivo è servita. A prestarle un volto d’altri tempi è Phoebe Waller-Bridge – anche autrice dell’omonima commedia teatrale – abilissima nell’accompagnare un personaggio alla Girls verso una profondità psicologica decisamente più autentica. Fleabag parla (e pure tanto) ai suoi spettatori, provoca e si caccia in situazioni surreali. Ma più si protegge dietro un velo di black humor, più lascia trasparire le proprie comuni fragilità. Tra sorrisi e bocconi amari, la serie scorre leggera, lasciando la sensazione di aver assistito a uno spaccato intimo tanto minuto quanto prezioso.

Perché guardarla: Poca spesa, massima resa. Anche vista e rivista sa svelarsi sotto luci inedite.
Tempo richiesto: 6 episodi da circa 30 minuti (quasi 3 ore totali).
Dove guardarla: su Amazon Prime Video

Master of None

Se proprio di tristezza non si vuol sentir parlare, meglio ripiegare allora su Master of None. Pur raccontando una realtà generazionale simile a quella di Fleabag, questa comedy utilizza un filtro umoristico ben più brillante. Il merito è tutto di Aziz Ansari, alias Dev, logorroico trentenne di origine indiana, alla ricerca di un proprio posto nella Grande Mela. Oltre a farsi riguardare con piacere – soprattutto per gli sketch con l’amicone Arnold o con i veri genitori di Ansari – Master of None lusinga anche l’orgoglio italiano. La seconda stagione – fresca nominata ai prossimi Golden Globe – si apre infatti a Modena, omaggia De Sica, Antonioni e Battisti, e vede protagonista anche una valida Alessandra Mastronardi.

Perché guardarla: Sfiziosa e piacevole, grazie alla finezza con cui Ansari sa raccontare i cliché più radicati. Gli scorci di una New York innevata, poi, fanno subito atmosfera natalizia.
Tempo richiesto: 2 stagioni, 20 episodi da circa 30 minuti (poco più di 10 ore totali)
Dove guardarla: su Netflix

Per chi ha impegno da vendere

The Good Wife

Il tempo non vi manca e non temete le sfide impegnative. Perché allora non recuperare qualche vecchio drama generalista? The Good Wife, ad esempio, potrebbe prestarsi bene allo scopo. Nonostante l’esteso groviglio di linee narrative a cui ormai non si è quasi più abituati, il legal – in onda dal 2009 al 2016 – con protagonista l’avvocato Alicia Florrick ha molto da spartire con le cugine cable sempre più brevi e intense. La serie resiste alla deriva soap, per concentrarsi sul dilemma tra legge e morale, pragmatismo e sentimento, servendosi di casi attuali e all’epoca poco esplorati. Tra questi, i retroscena della politica pop statunitense e le conseguenze legali della libera rivoluzione tecnologica. Sottilissima, poi, è la minuzia con cui i coniugi King hanno creato e curato anche la più piccola pedina di una fittissima rete di personaggi.

Perché guardarla: Pur assopendosi per alcuni tratti, si lascia divorare letteralmente, anche grazie alla maestria dei King nel maneggiare l’arte del cliffhanger.
Tempo richiesto: 7 stagioni, 156 episodi da circa 45 minuti (oltre 111 ore totali)
Dove guardarla: su Netflix e Amazon Prime Video

Per chi non rinuncia alle risate

Will & Grace

Breve, leggera e spassosa. In periodo festivo, la sitcom è sempre una certezza. Se poi vale il detto “Natale con i tuoi”, di famiglie comedy con cui stare in compagnia c’è l’imbarazzo della scelta. Una di queste è il quartetto di Will & Grace, di ritorno dopo undici anni di assenza che non ne hanno intaccato la forza comica. Se ancora non si è avuto modo di farlo, potrebbe essere occasione giusta per sbirciarne la nona stagione. Anche perché Italia 1 ha in programma una maratona dei pochi (ma buoni) episodi finora andati in onda soltanto su Premium Joi. Ciliegina sulla torta, a concluderla è l’episodio a tema Un Natale d’altri tempi (A Gay Olde Christmas), che porta Will, Grace, Jack e Karen nel 1912 newyorkese, proseguendo sulla scia dell’umorismo antitrumpiano e a difesa delle diversità che segna l’intero revival.

Perché guardarla: La comicità arguta della serie e la chimica tra i suoi protagonisti sono sempre un piacere, ancor più godibile se rinfrescato dai riferimenti alla moderna cultura pop.
Tempo richiesto: 7 episodi da circa 20 minuti (poco più di 2 ore totali)
Dove guardarla: su Italia 1, mercoledì 3 gennaio in prima serata

Guida Natale 2017-Friends

Friends

Se si parla di famiglie da ridere, però, difficile è battere l’affetto per Friends. Nonostante la valanga di repliche, le sventure comiche di Rachel, Ross e compagni faticano a stancare. Vista la mole di episodi in onda tra il 1994 e il 2004, a ciascuno la scelta rigustarseli secondo proprio piacere: senza tralasciane neppure uno, selezionando i preferiti o – per rimanere in tema – riguardando solo gli speciali di Natale. In tal caso, per agevolarvi nella ricerca, Netflix ne ha di recente postato la lista completa. Il migliore? Stagione 7, episodio 10, che vede Ross nei panni di Armadillo Natalizio, non essendo riuscito a noleggiare un vestito da Babbo Natale per far felice il figlio Ben.

Perché guardarla: Cult intramontabile. Dalla prima all’ultima puntata più di una risata è assicurata.
Tempo richiesto: 10 stagioni, 236 episodi da circa 20 minuti (oltre 78 ore totali)
Maratona natalizia: 9 episodi per circa 3 ore totali
Dove guardarla: Netflix

Per chi ama l’atmosfera natalizia

The Marvelous Mrs. Maisel

Il Natale del piccolo schermo, si sa, non transige sul vintage. Ma se ormai avete contato anche i fili d’erba sulle montagne di Tutti insieme appassionatamente e memorizzato la scala cromatica delle camicie dei bruti omaccioni in Sette spose per sette fratelli, vi è concessa una ventata di freschezza. Anzi, un piccolo compromesso. The Marvelous Mrs. Maisel è uscita da poco, ma ha saputo ricostruire una deliziosa atmosfera retrò. Una colorata New York di fine Anni 50 e un’eroina tanto graziosa quanto arguta – alle prese con un divorzio e una carriera da cabarettista – sono la cifra di questa comedy vivace firmata da Amy Sherman-Palladino.

Perché guardarla: Il vintage alla Mad Men si popola di caricature dalle nevrosi alleniane, portando il ritmo serrato e i dialoghi fitti di Una mamma per amica indietro nel tempo.
Tempo richiesto: 10 episodi da circa 46-61 minuti (oltre 6 ore totali)
Dove guardarla: su Amazon Prime Video

Fantaghirò

Ok, se proprio al gusto retrò non si vuol rinunciare, conviene fare sul serio e ripescare il cult dei cult. Fantaghirò, pietra miliare dei palinsesti natalizi (e di tutte le altre feste dell’anno), nonché certezza nelle giornate non scolastiche dei fanciulli degli Anni 90. In realtà, per ritrovare le avventure raccontate dalla fiabesca fiction fantasy non bisogna fare molti sforzi. Netflix guida infatti un esercito di servizi streaming che hanno deciso di rilanciarla per intero, nonostante (potere della buona comunicazione!) fosse già da qualche tempo disponibile sul gratuito Video Mediaset. Gli irriducibili fedeli della tradizione televisiva possono tuttavia evitare di piegarsi alla dura legge dell’on demand. Mediaset Extra ne ha infatti già programmato l’intera maratona.

Perché guardarla: Culla dei buoni sentimenti, fiera dello sguardo intenso, tomba della recitazione. Ma ci sono Romualdo, la pietra parlante e il caschetto unisex di Alessandra Martines. E la nostalgia dei natali d’infanzia è servita.
Tempo richiesto: 5 stagioni, 10 episodi da circa 90 minuti (poco più di 15 ore totali)
Dove guardarla: Netflix, Amazon Prime Video, Infinity, Mediaset Extra (DTT canale 34, il 24, 25, 26 dicembre)

Guida Natale 2017-Fantaghirò

Per chi è in cerca di novità

Anche se ormai in chiusura, l’anno seriale ha poi ancora qualche novità in serbo. Oltre all’operazione nostalgia – non eccelsa ma molto apprezzata dagli utenti – Le amiche di mamma (dal 22 dicembre con la seconda parte della terza stagione), Netflix si prepara a rilasciare anche i nuovi 6 episodi di Black Mirror e il thriller francese The Mantis (entrambe il 29 dicembre). Premium Joi, infine, rinnova la consueta maratona di Capodanno in compagnia di Angie Tribeca, in arrivo con la terza stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.